Film anni '80Questa è la mia raccolta dei titoli dimenticati che popolavano il piccolo schermo quando ero bambino. Sono una traccia dell'immaginario della mia infanzia popolato da ninja, barbari e alieni. Sarebbe troppo semplice citare titoli come Ritorno al futuro, Terminator, Ghostbusters, Guerre stellari o I Goonies, popolari anche tra le nuove generazioni. Il mio intento è quello di concentrarmi su quei titoli apparentemente dimenticati.

Ma perché proprio gli anni '80? Per alcuni motivi, primi fra tutti:

  • Sono i film della mia infanzia;
  • Iniziavano alle 20:30, e nonostante la scuola si riusciva a vederli finire senza fare nottata;
  • Contenevano idee a loro modo innovative che sono state poi riprese in seguito.

Unica avvertenza: alcuni particolari della trama possono trapelare dalla descrizione, rovinando la sorpresa a chi non ha mai visto questi film.

Mirror - Chi vive in quello specchio? (1980, Ulli Lommel)

Regista Ulli Lommel
Anno 1980
Genere Horror
Durata 82 min

Lacey e Willy sono due fratellini. Una notte sorprendono involotariamente la madre in atteggiamento amoroso con l'amante. La reazione dell'adulto è particolarmente violenta, tanto da causare nei due bambini un trauma permanente. Willy per esempio resta muto a vita. I ragazzi però non si perdono d'animo, Lacey libera il fratello che con un coltello uccide l'amante della madre, mentre la sorella assiste alla scena guardando in uno specchio.

Vent'anni dopo i bambini sono cresciuti, Lacey è sposata con Jake, tuttavia il trauma di quella notte è ancora vivo nei due giovani. Una lettera dalla madre morente riporta Lacey e Willy nella casa, dove lo specchio sembra aver catturato l'anima dell'amante ucciso. La ragazza lo scopre e rompe lo specchio. Jake, convinto che la moglie sia impazzita e per aiutarla a superare il trauma, raccoglie tutti i frammenti dello specchio tranne uno e li porta a casa per ricomporlo.

Lo specchio prende vita e manifesta subito una smodata sete di sangue, dando inizio ad una serie di omicidi dai contorni paradossali.

Predator (1987, John McTierman)

Regista John McTierman
Anno 1987
Genere Fantascienza, Horror, Azione
Durata 107 min
Nazione USA

L'ex maggiore del MACV-SOG Alan "Dutch" Schaefer viene inviato da un ex commilitone che lavora per la CIA su un'isola tropicale per salvare un uomo politico disperso. Presto la missione si rivela una copertura per eliminare un gruppo di guerriglieri e recuperare dei documenti in loro possesso per conto della CIA, missione fallita dal gruppo precedentemente inviato.

Sulla via del ritorno però il gruppo è pedinato da una misteriosa creatura, precipitata sulla Terra a bordo di una capsula spaziale, che subito si rivela essere estremamente intelligente, letale e aggressiva. In poco tempo elimina, uno a uno, i membri della squadra di Alan, dando loro la caccia e attirandoli in trappole mortali.

Solo Alan si salva e pur con grande difficoltà, riesce ad avere la meglio sul predatore alieno. Quest'ultimo, ferito gravemente dal soldato, si suicida grazie ad un dispositivo di autodistruzione.

Yado (Richard Fleischer, 1985)

Regista Richard Fleischer
Anno 1985
Genere Fantastico, Avventura
Durata 89 min
Nazione USA, Paesi Bassi

In un tempio è custodito un potente talismano alle cui sorti è legato il destino del mondo. Un giorno l'artefatto viene rubato e le sacerdotesse che lo custodivano massacrate per opera dei guerrieri di Gedren, una malvagia regina che vuole conquistare il mondo. Sonja la Rossa (Brigitte Nielsen), sorella della sacerdotessa a capo del tempio, apprende da quest'ultima l'identità del mandande del furto, così parte per un lungo viaggio per riconquistare il talismano, che può essere maneggiato solo da donne, e riporlo al centro della Terra per scongiurare la fine.

Durante il suo viaggio incontra alcuni personaggi che la aiutano nella sua missione, tra cui il guerriero Yado (Lord Kalidor nella verione originale), discendente del popolo che creò il talismano. Insieme a lui e ad altri compagni di viaggio, Sonja riesce a trovare la regina malvagia, a ucciderla e porre fine ai suoi folli piani.

Sebbene il personaggio principale fosse Sonja (Red Sonja era appunto il titolo originale ed il nome del fumetto da cui la storia trae ispirazione), nella versione italiana il ruolo di protagonista viene assegnato al principe Yado, interpretato da Arnold Schwarzenegger.

Regista Mark L. Lester
Anno 1985
Genere Azione
Durata 90 min
Nazione USA

Nella sua lunga carriera nei berretti verdi il colonnello John Matrix si è fatto molti nemici. Ora però, ritiratosi insieme con sua figlia adolescente nel suo chalet di montagna conduce una vita appartata. L'idillio è presto interrotto dal suo ex generale, il quale atterra nel suo cortile per informarlo del pericolo che incombe su di lui. Qualcuno sta dando la caccia al colonnello e ai suoi uomini, così il generale gli lascia i suoi due uomini migliori per proteggerlo.

Poco dopo una squadra da l'assalto allo chalet, i due uomini della scorta muoiono subito, Matrix viene catturato e la sua figlioletta viene rapita. Il capo del commando afferma di essere mandato da un dittatore che vuole acquisire il controllo dell'isola di Val Verde (la stessa di Predator, 1987) e per fare ciò vuole ricattare il colonnello e obbligarlo a uccidere l'attuale presidente.

John però riesce a scappare e con l'aiuto della hostess Cindy a scovare e uccidere tutti i membri del commando. Infine, dopo essersi recato in un'armeria per le ultime spese, si dirige sull'isola dove uccide il dittatore e libera la figlia.

Una strega chiamata Elvira (James Signorelli, 1988) Regista James Signorelli
Anno 1988
Genere Commedia/Comico
Durata 96 min
Nazione USA

Elvira è l'avvenente conduttrice di una rubrica di film horror per un una sgangherata rete televisiva di provincia, ma nel suo intimo progetta uno spettacolo tutto suo Las Vegas. Per fare ciò le servono 50000 dollari. Il suo sogno sfuma dopo che viene licenziata per aver rifiutato le avances del nuovo capo, ma la fortuna sembra sorriderle di nuovo quando apprende che la zia Morgana Talbot è improvvisamente deceduta ed il suo testamento include anche lei.

Di tutta fretta si reca al paesino di Falwell dove il suo look alternativo ed i suoi modi anticonformisti provocano lo sdegno della comunità, conquistando però i giovani e i maschi adulti. Presto Elvira scopre che l'eredità include una casa fatiscente, un cane ed un libro di ricette. Delusa, prova a vendere la casa per raccogliere qualche soldo, cerca lavoro, ma viene osteggiata da tutti, tranne dal giovane e attraente Bob, l'unico che sembra avere compassione per la povera sventurata.

Il prozio Vincent Talbot, fratello di Morgana, è ossessionato dal libro di ricette della sorella e propone alla nipote di acquistarglielo per la cifra di 50 dollari. Durante una cena intima con Bob, Elvira scopre che il libro è in realtà il grimorio di una strega, sua zia Morgana, e che in lei giace sopito lo stesso potere della zia. In una lettera Morgana rivela alla nipote tutta la sua storia e svela l'identità dello zio, che brama il libro per diventare il Signore delle Tenebre. Gli abitanti del paese, incitati dallo zio Vincent, individuano in Elvira la causa di tutti i problemi della città e della caduta morale dei suoi cittadini, la accusano di stregnoneria e la condannano al rogo secondo la legge del luogo.

Proprio allora Elvira riesce a scappare, sconfigge le zio negromante e ottiene la stima e la gratitudine del paese intero, nonché in eredità il patrimonio dello zio Vincent. Il film si conclude con Elvira che si esibisce a Las Vegas nello show che aveva sempre sognato.

Da segnalare un seguito del 2001: La casa stregata di Elvira.