Alcuni trucchetti e segreti del vostro amiga

Amiga CLI (Command Line Interface)Una delle prime grane che deve affrontare chi come me accende un Amiga 500 riassemblato dopo aver recuperato i pezzi un po' in giro a mo' di novello Dr. Frankenstein è il layout della tastiera. Di solito è abbastanza facile trovare il file .ADF di Workbench in rete, però quasi sempre si tratterà di una verisone internazionale, con una keymap americana. Il layout della tastiera sarà quindi americano. Con un po' di esperienza e di pazienza si riuscirà a trovare comunque la posizione dei tasti ma per un'esperienza completa la tastiera italiana è molto più comoda, a meno che non si programmi in C e si faccia un uso spinto del carattere ~ (tilde).

Amiga, il sopravvissutoSolo chi l'ha provato sa cosa significa. Giocare sull'emulatore è sicuramente il modo più rapido ed economico ma accendere un Amiga vero e caricare i giochi direttamente da dischetti reali è tutta un'altra esperienza. La mia devo dire che è valsa la fatica fatta. Mi ci è voluto un po' di tempo per recuperare tutti i pezzi tra ebay, negozi di elettronica e bacheche online. Il giorno in cui ho ripreso in mano un joystick albatros originale mi sono sentito ripagato del costo.

Peccato che tutti i giochi che possedevo una volta siano andati perduti o cancellati per far posto ai file system fat 16 del PC. Fortunatamente online è ancora possibile trovare una vera e propria miniera di immagini dei vecchi floppy disk che Amiga utilizzava e che gli emulatori utilizzano. Il problema è rimapparli su un floppy disk leggibile da Amiga...